Tessuto Sardo

Tessuto con telaio sardo manuale a pibiones:

La tecnica tradizionale di tessitura a grani tipica della Sardegna è quella a pibiones che in sardo significa acini d’uva.
Si chiamano così i”pippiolini”, fili di lino, che risaltano nella superficie del tessuto formando un disegno, mentre la base che viene chiamata ordito è realizzata con fili di cotone.
Questo tessuto viene utilizzato per la realizzazione di tappeti, copriletti,cuscini,e per tutto ciò che riguarda i complementi d’arredo.
tra i disegni più tipici sardi possiamo trovale le pavoncelle o gallinelle sarde che rappresentano la coppia nuziale, simbolo della fertilità e ricchezza.

Tessuto con telaio meccanico:

L’origine di alcuni tessuti sardi risale ai romani come quello della bisaccia sarda, che si ipotizza venisse usata per la realizzazione delle divise utilizzate dalle truppe.
In Sardegna la lana grezza di pecora, lavorata e poi colorata con le varie erbe e bacche che la natura ci offre, viene usata per realizzare vari tessuti per produrre diverse parti dei costumi tipici sardi.
O come quella della bisaccia che viene utilizzata per trasportare cibo o altro a dorso del cavallo o asino.
Adesso il tessuto della bisaccia in lana o cotone lo troviamo per la produzione di borse, abbigliamento complementi d’arredo o, come abbiamo fatto noi, per la realizzazione di album fotografici.

Gli album che realizziamo artigianalmente con questi tessuti permettono di conservare i propri ricordi nel tempo.